Nell'America del XVIII secolo gli agricoltori che si rifiutavano di coltivare canapa rischiavano una condanna. Alcuni artisti, come van Gogh o Rembrandt, dipingevano le loro opere su tele in tessuto di canapa. E un tempo da questa pianta utile si ricavavano addirittura carburanti per auto. Di recente, tuttavia, la canapa è tornata alla ribalta in Svizzera, dove è considerata una coltura più che valida dalle fattorie del Paese. Per molto tempo bollata come semplice droga, quest'erba nasconde proprietà molto più importanti del solo effetto stupefacente, soprattutto se ci si concentra sulla canapa alimentare.

In ambito culinario i semi di canapa vengono utilizzati nelle cucine di tutto il mondo, grazie anche alle innumerevoli possibilità di impiego, ad esempio nella preparazione di olio, biscotti, infusi o cioccolato.

Canapa alimentare

In un articolo dedicato alla canapa su BioAktuell.ch, Christian Hirschi ha dichiarato che questa pianta utile «è predestinata alla coltivazione bio». E, in quanto responsabile per la Comunicazione dell'Istituto di ricerche dell'agricoltura biologica (FiBL), Christian Hirschi di sicuro sa di cosa parla. La fondazione, che ha sede in Svizzera, promuove da quarant'anni la ricerca per l'agricoltura biologica e in questo lungo periodo si è occupata in maniera approfondita anche di canapa, ai tempi ancora illegale.

L'affinità di questa pianta utile per le coltivazioni bio gioca anche a favore del Clean Eating, l'ultima tendenza in campo alimentare che vieta il consumo di prodotti industriali, ossia alimenti trasformati e raffinati, sostituendoli con prodotti integrali del tutto naturali e ricchi di sostanze essenziali per l'organismo. E i semi di canapa, in particolare, ne contengono tantissime.

Che sapore ha la canapa?

«Può variare in base alla preparazione», secondo Rebecca Clopath. La cuoca ha pubblicato un libretto con dieci ricette per cucinare i semi di canapa e li conosce molto bene. Nel libro, Rebecca elenca tutte le proprietà di questo superfood ormai diffuso anche in Svizzera, e spiega come integrarlo al meglio nell'alimentazione.

Secondo lei, i semi di canapa tostati hanno un sapore che ricorda le arachidi e le nocciole, «e anche un po' i popcorn». Rivela poi che "se usati per il pesto somigliano più al sesamo tostato, mentre nella pasta rimandano al gusto del grano saraceno".

Ma quali aromi si abbinano meglio ai semi di canapa? Rebecca ha già una risposta pronta: «Rimanendo in zona alpina, propendo sempre per un abbinamento con le pere oppure con l'olivello spinoso». «Se invece ci allontaniamo un po', adoro i semi di canapa con le banane».

Ma i semi di canapa sono perfetti anche semplicemente per arricchire un'insalata o un müesli, e frullati negli smoothie li rendono ancora più cremosi. Anche l'olio di canapa trova tantissimi impieghi, tuttavia Rebecca consiglia di non scaldarlo per evitare di perdere gli acidi grassi omega 3 che contiene: «Cucinando la pasta, ad esempio, la cosa migliore è portare l'olio in tavola, in modo che tutti possano usarlo a piacere».

Info: Info:

I piccoli semi sono ricchi di acidi grassi omega-3 e omega-6 e nelle ricette casalinghe si integrano perfettamente sotto forma di topping, olio o semplicemente come snack. Riforniscono inoltre l'organismo di proteine e fibre e, come se non bastasse, sono fonte di vitamina E, che vanta proprietà antiossidanti, e delle vitamine B1, B2 e B6. E adesso il consumo di semi di canapa è diventato ancora più semplice, grazie alla loro introduzione nel mercato sotto forma di drink, dressing, proteine, olio o semi.

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!