Il pangasio: importato dal Sud Est Asiatico

Il pangasio, come suggerisce il nome, fa parte della famiglia dei pangasidi e ha origine nei fiumi asiatici, in particolare nella zona del delta del Mekong in Vietnam. Questo pesce ha una testa larga, un corpo dalla forma allungata e non ha squame. Com’è tipico in questa specie, anche il pangasio ha i barbigli e può raggiungere una lunghezza di circa 1,5 metri. La sua caratteristica striatura nera tende a sbiadire nei pesci più anziani i quali diventano di un colore grigio-argento. Il pangasio importato in Europa proviene generalmente da acquacolture; i maggiori produttori di pangasio da allevamento sono i paesi del Sud Est Asiatico, come il Vietnam e la Cambogia.

Foodfacts Foodfacts

Il pangasio

Famiglia

Pangasiidee

Calorie

105 kcal per 100 g

Valori nutrizionali

0,5 g di carboidrati, 0 g di fibre, 2,5 g di grassi, 19 g di proteine per 100 g

Stagionalità

Disponibile tutto l’anno

Conservazione

In frigorifero a una temperatura dai 0 ai 2° C o in congelatore

Durata

Da 1 a 2 giorni in frigorifero; fino a 3 mesi in congelatore

Come conservare correttamente il filetto di pangasio

Di questo pesce d’acqua dolce, al supermercato, trovi principalmente il filetto sia fresco che surgelato. Dato che generalmente ha già un lungo viaggio alle sue spalle, sarebbe meglio che tu lo riponessi sullo scaffale più basso del frigorifero e che lo consumassi al più tardi il giorno dopo l’acquisto. Questa regola, ovviamente, non vale per il pangasio surgelato che invece, prima di essere cucinato, va lasciato a scongelare lentamente in frigorifero. Anche se con questo metodo si impiega più tempo, si riesce però ad impedire che il gusto si disperda o che prolifichino dei batteri.

Cucinare il pangasio è facile!

La carne di pangasio è bianca, tenera e succosa, il suo aroma è dolce e delicato, ma soprattutto ha pochissime spine: ecco perché è amato anche da chi generalmente non gradisce mangiare il pesce. Inoltre cucinarlo è davvero semplice: prima di tutto sciacqua il filetto sotto l’acqua corrente e poi picchiettalo leggermente per asciugarlo; successivamente cospargilo con del succo di limone, condiscilo con sale e pepe e fallo soffriggere in un po’ di olio di colza o di burro.

Puoi anche scegliere di grigliarlo, di cuocerlo al vapore o di preparare un curry di pesce dal sapore deciso o impanarlo, per una ricetta speziata e croccante. Puoi vivacizzare la tua panatura fatta con farina, uova e pangrattato con un po’ di zenzero tritato o di parmigiano, oppure puoi pensare di incantare i tuoi ospiti con uno sformato di pasta. Per prepararlo, taglia il filetto di pesce in piccoli pezzi, passalo in padella per un minuto e aggiungi ingredienti a tuo piacere prima di infilarlo nel forno. Il pangasio si armonizza molto bene con la feta, gli spinaci e i pomodori.

Il filetto di pangasio: ricco di proteine

Il pangasio contiene molte importanti sostanze nutritive, ma è principalmente una grande fonte di proteine. Nello specifico, un filetto di circa 120 grammi apporta al nostro organismo circa 125 calorie, soltanto 0,6 grammi di carboidrati, e non solo: contiene pochissimi grassi, circa 3 grammi, ma un’abbondanza di proteine, ossia quasi 23 grammi. Le proteine aiutano l’aumento e il mantenimento della massa muscolare, ma giocano anche un ruolo molto importante per la solidità delle ossa.

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!

Qualcosa è andato storto durante il salvataggio!