La trota: deliziosamente versatile

La carne della trota è burrosa e ha un gusto lievemente speziato. Il modo tradizionale per cucinarla è quello di cuocerla in padella, ma può essere anche affumicata, grigliata o preparata in tanti altri modi. Anche per questo è uno dei piatti di pesce più amati in Svizzera.

Food Facts Food Facts

La trota

Famiglia

Salmonidae

Calorie

130 kcal per 100 g

Valori nutrizionali

0 g di carboidrati, 0 g di fibre, 7 g di grassi, 16 g di proteine per 100 g

Stagionalità

Tutto l’anno

Conservazione

Il giorno stesso dell’acquisto

Durata

Al massimo 1 giorno in frigorifero

Particolarità e zone di pesca della trota

La trota appartiene alla famiglia dei Salmonidi. Il corpo leggermente tondeggiante e tozzo con pinna diritta e la testa arrotondata con bocca grande e denti forti sono caratteristici della trota. Preferisce vivere in acque fredde molto ossigenate, ma è presente in tutto il mondo. Una grande percentuale di questi pesci vive in acqua dolce. Alcuni esemplari, però, per deporre le uova migrano in acque salate. Le tre specie di trota più diffuse in Europa sono la trota iridea, la trota fario e la trota lacustre.

La trota iridea, detta così per la sua livrea brillante tra il rosso e il metallico, è la più grande e la più ricca di grassi delle tre. È originaria del Nordamerica. In Germania viene allevata principalmente in quanto pesce di acqua dolce. La trota fario e quella lacustre vivono in acque con corrente forte a latitudini fra i 1’800 e i 2’500 metri. La fario vive specialmente nei fiumi delle Alpi, mentre la lacustre viene allevata in poche acquacolture.

Puoi trovare la trota sia in pescheria che nel reparto surgelati. Se il pesce è davvero fresco, lo riconoscerai dal suo odore leggero, dalla pelle soda e dagli occhi limpidi. Le squame devono essere ben coese e la carne non deve cedere troppo a una leggera pressione delle dita. Sarebbe l’ideale se riuscissi a cucinare la trota il giorno stesso in cui l’acquisti, altrimenti conservala per massimo tre giorni in frigorifero.

La trota in cucina: una vera tuttofare

Chi generalmente evita di cucinare il pesce perché spinarlo è troppo faticoso, amerà la trota. Infatti, non ha molte spine e quelle che ci sono possono essere rimosse facilmente con il coltello. Le piccole lische centrali possono essere anche mangiate senza particolari problemi. Esistono molti modi per preparare la trota: puoi dorare il filetto in padella e condirlo con rosmarino e limone, infarinarla, condirla con il succo di limone e rosolarla in padella (alla mugnaia). Accompagnala con patate al prezzemolo e un’insalata verde.

Un altro classico è la trota blu svizzero-tedesca, ossia la Forelle Blau, servita secondo la tradizione del lago di Ginevra con un’insalata di cavolo bianco e noci. La trota può essere anche impiegata nei fish & chips oppure marinata nel latticello. Grigliarla è forse il metodo di cottura più veloce e si armonizza alla perfezione con i contorni più disparati, come patate, riso o insalata.

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!

culinariaSpeichernFehlgeschlagen