Tutto quello che c’è da sapere sul latte d’avena

Il termine «latte» dovrebbe essere utilizzato, in senso stretto, esclusivamente per indicare il latte animale. Questo perché, in realtà, le industrie alimentari non sono autorizzate a impiegare tale denominazione per i loro prodotti, sia per quanto riguarda le bevande ottenute dalla lavorazione della frutta a guscio che per quelle derivate dai cereali. Quindi, quando cerchi il latte d’avena al supermercato, potresti imbatterti anche nel «drink» o nella «bevanda» all’avena, sinonimi che indicano tutti lo stesso prodotto. Tuttavia nei ricettari, la denominazione «latte d’avena» è molto frequente: d’altronde le due bevande sono simili per uso, consistenza e colore.

Il latte d’avena è un toccasana per la salute grazie alle sue sostanze nutritive, come la vitamina E, le vitamine del gruppo B, il sodio, il calcio, il magnesio, il ferro, il fosforo e solo 1,5 grammi di grassi per 100 millilitri; inoltre questa bevanda non contiene lattosio ed è quindi perfetta per chi è intollerante a questo zucchero. Anche se il latte d’avena non contiene la stessa quantità di calcio del latte vaccino, in commercio sono disponibili delle varianti addizionate di questa sostanza. Se segui una dieta vegana o semplicemente preferisci il latte vegetale, puoi anche fare il latte d’avena in casa.

Food Facts Food Facts

Il latte d’avena

Calorie

50 kcal per 100 ml

Valori nutrizionali

8 g di carboidrati, 1 g di fibre, 1,5 g di grassi, 0,5 g di proteine per 100 ml

Stagionalità

Disponibile tutto l’anno

Conservazione

In frigorifero, dopo l’apertura

Durata

Una volta aperto, da 3 a 4 giorni

Origine e varianti del latte d’avena

Gli ingredienti principali del latte d’avena sono solo due: l’acqua e l’avena. Non è ancora certo quali siano le origini geografiche dell’avena, ma si pensa provenga dalle regioni dell’Asia Sudoccidentale, come il farro e l’orzo. Oggi l’avena è coltivata soprattutto in Germania, nel Sud della Svezia, nelle Isole Britanniche, in Nord Africa, in Nord America e nell’Asia Occidentale. In Europa questo cereale vanta una storia lunga cent’anni, anche se in alcune epoche veniva usato quasi esclusivamente come mangime per gli animali, ma a torto, considerato quanto sia ricco di vitamine e di minerali.

Oggigiorno il latte di avena è prodotto da molte industrie diverse, con o senza zuccheri aggiunti, con calcio, con l’aroma di vaniglia e come drink pronto da gustare. Comunque sia, vale sempre la pena dare un’occhiata agli ingredienti per sapere quale dolcificante è stato usato o se è stato aggiunto dell’olio vegetale, impiegato di solito per rendere il latte più bianco e cremoso. Esistono anche delle versioni di latte d’avena puro, o addirittura, se ne hai tempo e voglia, esiste la possibilità di fare il latte d’avena in casa.

Il latte d’avena: versatile e facile da fare in casa

Per preparare il latte d’avena in casa servono 80 grammi di fiocchi d’avena, un litro d’acqua, un pizzico di sale e dello zucchero. Porta l’acqua a ebollizione, versa i fiocchi d’avena nell’acqua bollente, aggiungi un pizzico di sale e zucchero a piacere, dopodiché lascia bollire il tutto per qualche minuto. Ne risulterà un composto denso e pastoso che successivamente dovrà essere filtrato in un colino rivestito con un panno di lino o di cotone. In questo passaggio puoi aiutarti con una ciotola, ma dovrai poi travasare il latte ottenuto in una bottiglia o in un barattolo richiudibili da riporre nel frigorifero e conservare per non oltre tre giorni.

Il latte d’avena è perfetto per preparare frullati e prodotti da forno, in sostituzione del latte di origine animale. Può anche essere aggiunto alle bevande di tutti i giorni come il caffè, il tè o la cioccolata calda. Nella preparazione dei dolci al forno o di prodotti da forno salati, basta sostituire al latte vaccino la stessa quantità di latte d’avena.

Puoi utilizzare il latte d’avena anche nella preparazione di una zuppa con semi, spezie e verdure. Tosta in padella dei semi di sesamo e di finocchio, stufa poi cipolla, aglio e zenzero e aggiungi poi il latte d’avena. Cuoci rimescolando per circa un quarto d’ora. Completa il tutto con della carne rosolata in padella e con i semi di finocchio e di sesamo precedentemente tostati: una ricetta insolita, ma molto saporita.

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!

culinariaSpeichernFehlgeschlagen