Le arachidi: informazioni generali

Le arachidi, da un punto di vista botanico, non sono noci, ossia semi contenuti in una drupa, appartengono al contrario alla famiglia delle leguminose, piante dai frutti a baccello. Come le noci però, possono essere mangiate crude: sono perfette da sgranocchiare, nonostante non siano uno spuntino esattamente dietetico. Le arachidi contengono, infatti, 600 calorie per ogni 100 grammi. Tuttavia vale di certo la pena mangiarle poiché contengono tante sostanze nutritive preziose, come le proteine, le vitamine del gruppo B e l’acido folico.

Foodfacts Foodfacts

Le arachidi

Famiglia

Fabacee

Calorie

600 kcal per 100 g

Valori nutrizionali

11,2 g di carboidrati, 7,6 g di fibre, 48,5 g di grassi, 26 g di proteine per 100 g

Stagionalità

Tutto l’anno

Conservazione

In un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce, in cantina o nella dispensa

Durata

Sgusciate, molti mesi

Le arachidi: origini e particolarità

L’arachide è soprannominata “nocciolina americana” probabilmente perché ha origine in Sud America, più specificatamente in Brasile o in Perù. Oggi questi semi vengono consumati in quasi ogni parte del mondo, ma ancor di più negli Stati Uniti, dove vengono apprezzati tostati e salati, oppure sotto forma di burro di arachidi. Nel sud-est asiatico sono invece molto amati l’olio e la salsa di arachide.

Le arachidi prediligono i climi caldi e per questo motivo sono coltivate prevalentemente in Africa, in India, in Argentina e negli Stati Uniti. I frutti nascono e crescono sotto terra da una pianta molto robusta, di un tipico colore giallo e dal fusto lanuginoso, e alta fino a circa 80 centimetri. A differenza di altri semi, quelli di arachide sono contenuti in un baccello indeiscente, ossia che non si apre spontaneamente, particolarità che condividono con la frutta a guscio.

Le arachidi: spuntino raffinato e ingrediente segreto di tante pietanze

È possibile acquistare i semi di arachide sia se ancora racchiusi all’interno del baccello, che già sgusciati. Se si desidera conservarli più a lungo è consigliabile optare per la prima variante, mentre se verranno consumati in fretta o se si sceglie di utilizzarli per cucinare, è meglio scegliere quelli sgusciati. Per esaltarne il sapore naturale e gustarli subito, basta aggiungere un po’ di sale o di miele. Se tostati invece, il loro sapore sarà molto più deciso. I semi di arachide sono fantastici anche in cucina per preparare, ad esempio, il burro di arachidi e utilizzarlo a sua volta per deliziosi cupcake, brownie o torte, oppure spalmarlo semplicemente su un toast, alla maniera americana.

Diversamente, nella cucina del sud-est asiatico questi semi vengono utilizzati per creare deliziose salsine. A questo scopo, le noccioline vengono tritate finemente in un mortaio e riscaldate con del latte di cocco. In alternativa alle arachidi macinate, è ampiamente impiegato anche il burro di arachidi. La salsa che risulterà da questi brevi passaggi è un goloso condimento per il riso, le verdure o la carne. Dalle arachidi si ottiene anche un olio aromatico: è interessante sapere che l’olio di semi di arachide spremuto a freddo ha un punto di fumo più alto rispetto all’olio di oliva e conferisce alle pietanze un aroma che ricorda quello delle noci. Le noccioline americane possono anche essere aggiunte all’impanatura delle cotolette, per una croccantezza speciale. Lasciati allora ispirare dalle nostre ricette con i semi di arachide!

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!