Cosa c’è dietro allo xilitolo, detto anche zucchero del legno

Lo xilitolo è un alditolo e lo si estrae da diversi tipi di verdure e di legni. È per questo motivo che viene anche chiamato zucchero del legno, in quanto industrialmente è ricavato dalla corteccia di alcuni alberi ad alto fusto, in particolare dalla betulla. Questo dolcificante è stato sintetizzato per la prima volta nel 1891, ma soltanto negli anni ʽ70 sono stati scoperti i suoi effetti positivi sui denti: uno studio ha dimostrato che i consumatori di xilitolo hanno registrato una sensibile diminuzione di carie. Ecco perché lo xilitolo è spesso contenuto nel dentifricio o in alcuni tipi di chewing gum.

Food Facts Food Facts

Lo xilitolo

Base

Legni (soprattutto betulla) o mais

Stagionalità

Disponibile tutto l’anno

Conservazione

In un luogo fresco e asciutto, a una temperatura ambiente compresa tra i 18 e i 22° C

Durata

Massimo 2 anni

Differenze e analogie tra lo xilitolo e lo zucchero

Lo xilitolo non provvede soltanto a mantenere i denti sani, ma ha anche un forte potere dolcificante, paragonabile al saccarosio tradizionale. Per questo motivo lo xilitolo, classificato come alditolo, è ormai diventato una delle alternative allo zucchero più usate. Lo xilitolo, dopo essere stato trattato in laboratorio, è otticamente molto simile al saccarosio: i cristalli dell’uno e dell’altro sono praticamente uguali e presentano anche una solubilità simile. Lo xilitolo ha un lieve effetto rinfrescante ed è più resistente al calore dello zucchero tradizionale; infatti lo xilitolo necessita qualche minuto e temperature attorno ai 200 gradi per poter caramellizzare.

Lo xilitolo: per denti sani e una figura snella

Se utilizzi lo xilitolo per zuccherare i tuoi dolci, non avrai soltanto denti più sani, ma risparmierai persino sulle calorie: lo xilitolo contiene circa il 40 per cento di calorie in meno rispetto allo zucchero. Infatti, dato che questo edulcorante incide poco sulla glicemia e non ha effetti particolari sull’insulina, è consigliato anche a chi soffre di diabete. Le scarse conseguenze che lo xilitolo ha sui livelli dello zucchero nel sangue lo rende perfetto per tutti, poiché evita l’incorrere di attacchi di fame improvvisi. È infatti scientificamente provato che esiste una relazione fra l’oscillazione della glicemia e il senso di fame.

Dolce e versatile: come usare lo xilitolo

Al giorno d’oggi lo xilitolo non è impiegato soltanto per il chewing gum, ma anche in molti altri prodotti, persino nel cioccolato. Questo edulcorante non è difficile da trovare in commercio e può essere utilizzato per zuccherare tè e caffè e anche per preparare dolci da forno, così come faresti con lo zucchero tradizionale. Tuttavia è meglio non utilizzarlo nei dolci con il lievito: lo xilitolo, al contrario dello zucchero, non reagisce con i funghi del lievito; per questo motivo, aggiungi almeno un cucchiaio di saccarosio all’impasto del dolce che desideri preparare, in modo che questo possa crescere normalmente.

Pregi e difetti dello xilitolo

Poche calorie, nessun attacco di fame e qualche carie in meno: lo xilitolo ha di certo molti pregi. Questo dolcificante presenta tuttavia alcune caratteristiche considerate come suoi difetti: non tutti gradiscono, ad esempio, né il suo effetto rinfrescante né il lieve retrogusto che conferisce a torte e biscotti. Potrebbe, inoltre, come tutti gli alditoli, avere un effetto lassativo. Ad ogni modo, lo xilitolo è un’alternativa allo zucchero davvero valida.

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!

Qualcosa è andato storto durante il salvataggio!