I semi di chia: informazioni generali

Nel 2014 l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha permesso l’importazione dei semi di chia: da quel momento in poi, la loro popolarità è in costante crescita, anche in Svizzera. Il trend viene dagli Stati Uniti: lì i semi di chia riscuotono molto successo già da molti anni per via delle preziose sostanze contenute al loro interno. Quest’ultime sono considerate ottime per la salute. I semi vengono ricavati dalla salvia hispanica, pianta floreale della famiglia delle Lamiaceae, conosciuta già dagli Aztechi in quanto grande fonte di sostanze nutritive. Nel corso dei secoli questa pianta è stata sostituita da altri alimenti e poi quasi del tutto dimenticata. Oggi i suoi semi sono di nuovo sulla cresta dell’onda.

 

Food Facts Food Facts

I semi di chia

Famiglia

Lamiaceae

Calorie

486 kcal per 100 g

Valori nutrizionali

42 g di carboidrati, 34 g di fibre,
31 g di grassi, 17 g di proteine per 100 g

Stagionalità

Reperibili tutto l’anno nei supermercati bio, nei negozi di prodotti naturali e sul web

Conservazione

In luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce (dai 18 ai 22 °C) 

Durata

Pressoché illimitata, se adeguatamente conservati

I semi di chia: il prodotto di una pianta messicana

La salvia hispanica, dai fiori blu, lilla o bianchi, cresce prevalentemente in Messico e in Guatemala. Le foglie son lunghe 4–8 centimetri e il diametro dei semi corrisponde a 1–2 millimetri. Nonostante siano così piccoli, i semi di chia hanno la caratteristica di riuscire, in poco tempo, ad assorbire 9–12 volte il loro peso in liquidi. In questo modo si ottiene un gel che giova alla salute ancor di più dei semi crudi. I vegani amano utilizzare questo gel nei prodotti da forno al posto delle uova.

I semi di chia: come preparare un budino delizioso

Una delle ricette più amate e che ha per protagonista questi semi è il budino ai semi di chia. Per prepararlo, lascia risposare in frigorifero per tutta la notte la quantità di circa 3 cucchiai di semi di chia in 250 millilitri di latte animale o vegetale. Successivamente sciacqua bene il composto per evitare la formazione di grumi. Aggiungendo poi fiocchi d'avena, frutta esotica, come ad esempio i kiwi, o alcune spezie ne verrà fuori una colazione nutriente o un dessert salutare. Se ti va, puoi rendere il budino più dolce con un po’ di miele, sciroppo d’acero o succo d’agave. I semi di chia sono comunque ottimi anche nei pasticcini, nel muesli, nello yogurt o per guarnire le zuppe.

I semi di chia: valori nutrizionali

Nonostante siano davvero minuscoli, questi semi contengono molte sostanze nutritive e preziose per il nostro organismo. I semi di chia infatti sono degli eccezionali fornitori di aminoacidi e di acidi grassi come omega-3 e omega-6, sostanze che il nostro corpo non può sintetizzare da solo, ma che sono essenziali per mantenere il metabolismo attivo. I semi di chia apportano anche un grande contenuto di vitamine, di antiossidanti e di sali minerali: non solo sono ricchi di vitamina A, indispensabile per la salute degli occhi, ma anche di acido folico, fondamentale per le donne in stato di gravidanza. Inoltre, i piccoli supersemi vantano anche la presenza di zinco e niacina, ottimi per una pelle luminosa, calcio per ossa forti e magnesio per muscoli dinamici.

I semi di chia: riducono la fame in maniera vegana

Con il loro alto contenuto di fibre alimentari, i semi di chia sono perfetti per la tua dieta. Naturalmente va specificato che il consumo di questi semi non è in sé responsabile del dimagrimento, ma costituisce un aiuto all’interno di una dieta per la perdita di peso: se da un lato le fibre alimentari disperse in acqua aumentano il senso di sazietà, dall’altro fanno sì che i carboidrati vengano elaborati lentamente, cosicché non avrai subito di nuovo fame.

I semi di chia sono vegani e senza glutine, per questo sono perfetti per le intolleranze alimentari, fornendo tuttavia il giusto fabbisogno di fibre. Ma non esagerare! È sconsigliato assumere più di 15 grammi di semi al giorno: proprio per il loro elevato contenuto energetico (e quindi calorico), non sono adatti ad essere consumati in quantità eccessive ad esempio in una dieta ipocalorica. Bada in particolar modo al consumo dei semi di chia secchi: poiché tendono ad assorbire molti liquidi, potrebbero causare gonfiori intestinali. Quindi è importante bere molto in modo da evitare la disidratazione.

Related Tags

Ricette con i semi di chia

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!

Qualcosa è andato storto durante il salvataggio!