La melanzana: tanti nutrienti e poche calorie

La melanzana appartiene alla famiglia delle Solanacee ed è facilmente riconoscibile nel banco dell’ortofrutta: la forma ovale e la buccia viola scuro la fanno spiccare tra tutti gli altri ortaggi, anche da lontano. A causa dell’alta percentuale di acqua al loro interno, le melanzane hanno pochissime calorie: circa 25 per 100 grammi. Esse contengono inoltre una grande quantità di vitamina B1 e B2, acido folico e fibre. Queste sostanze si trovano principalmente nella buccia ed è quindi importante consumare la melanzana integralmente per non perdere preziosi nutrienti.

Food Facts Food Facts

La melanzana

Famiglia

Solanacee

Calorie

25 kcal per 100 g

Valori nutrizionali

6 g di carboidrati, 3 g di fibre, 0,2 g di grassi, 1 g di proteine per 100 g

Stagionalità

Disponibile tutto l’anno

Conservazione

In dispensa o in cantina, lontana da altra frutta o ortaggi

Durata

4 o 5 giorni

Da dove viene la melanzana e come viene coltivata?

La melanzana è originaria dell’India e della Cina, dove viene coltivata da oltre 4’000 anni. In Europa è giunta però solo nel tredicesimo secolo, portata dai commercianti arabi. Non si conosce precisamente il percorso che ha portato la melanzana nel Vecchio Continente, ma si suppone che il primo paese europeo a conoscerla sia stato l’Italia, dove viene coltivata dal 1550.

Le melanzane prediligono i climi caldi, per questo le zone europee in cui vengono maggiormente coltivate sono la Spagna e l’Italia. Anche in Svizzera esiste una produzione di questo ortaggio, per lo più in Ticino e nella zona del lago di Ginevra. Al di fuori dell’Europa, i paesi più produttivi sono la Cina, la Turchia, l’Egitto e l’Indonesia.

Chi crede che la melanzana esista solo nella varietà di colore viola si sbaglia. Anche se è la tipologia più diffusa in Europa, si può trovare in molti altri colori: gialla, rosa, verde, bianca e bianca e viola. Le melanzane hanno anche forme diverse tra loro; la melanzana thailandese, ad esempio, è piccola e tonda, quella cinese sottile e di forma allungata.

Un prodigio in cucina: la melanzana

Le melanzane sono utilizzate nelle cucine di tutto il mondo, principalmente a causa della loro versatilità. Il sapore della melanzana è caratterizzato da una nota amarognola, che però è facilmente eliminabile. Basta semplicemente tagliare le melanzane a fette o a strisce e salarle singolarmente. Lasciate riposare per mezzora, queste perderanno sia il sapore amaro che l’acqua in eccesso. A questo punto basterà rimuovere il sale con una spazzolina e cucinare le melanzane.

È possibile consumare le melanzane anche senza questo trattamento e ottenere lo stesso piatti prelibati. È invece importante non mangiarle crude, in quanto l’eccessiva quantità di solanina al loro interno può provocare nausea e dolori allo stomaco. Puoi preparare le melanzane bollite, al vapore, alla griglia, in padella o fritte. Anche le melanzane cotte al forno con il formaggio, come ripieno dei panzerotti, con la salsa di pomodoro o semplicemente preparate con olio e limone sono un’autentica delizia.

In Oriente le melanzane vengono di solito preparate in forma di purea, in India vengono farcite con altre verdure e in Giappone vengono consumate intinte nella salsa di soia. Infine, tutti conoscono il ruolo fondamentale delle melanzane nella ratatouille francese.

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!