L’avocado: una bomba di calorie salutare

Certamente l’avocado contiene molte calorie: in 100 grammi di polpa sono contenuti circa 160 kcal e 15 grammi di grassi. Nessun motivo per evitarlo, nemmeno se si segue una dieta dimagrante. I grassi contenuti nell’avocado sono grassi vegetali di alta qualità costituiti da grassi insaturi semplici e complessi che favoriscono, secondo gli esperti nutrizionisti, il consumo di grassi e la diminuzione del tasso di colesterolo. L’avocado contiene una bassissima quantità di zucchero e fornisce molta vitamina E, vitamine del gruppo B, magnesio, calcio e rame.

 

Food Facts Food Facts

L’avocado

Famiglia

Lauracee

Calorie

160 kcal per 100 g

Valori nutrizionali

9 g di carboidrati, 7 g di fibre,
15 g di grassi, 2 g di proteine per 100 g

Stagionalità

Tutto l’anno

Conservazione

In frigorifero quando è maturo; se deve maturare, in un luogo asciutto e a temperatura ambiente

Durata

Gli avocado maturi possono restare in frigorifero fino a 8 giorni

Origini geografiche dell’albero di avocado e coltivazione

Nonostante in Europa l’avocado sia diventato popolare solo negli anni Novante, in America centrale, zona d’origine, era invece già noto da più di mille anni. I Maya e gli Aztechi coltivavano questi frutti e apprezzavano i poteri curativi del cosiddetto «burro della foresta». I conquistadores spagnoli portarono questo frutto per la prima volta in Europa nel XV secolo, ma ci volle ancora molto prima che l’avocado venisse coltivato su superfici estese. Oggi le specie di avocado esistenti sono più di 400 e le aree dedicate alla sua coltivazione si trovano in quasi tutte le zone tropicali e subtropicali del mondo.

L’avocado appartiene alla famiglia delle bacche. Cresce su alberi sempreverdi che producono da 120 a 500 frutti all’anno, che raggiungo i 20 metri di altezza e che necessitano di temperature tra i 20 e i 30 gradi. I frutti diventano presto troppo pesanti per l’albero e cadono al suolo prima di aver raggiunto la completa maturazione. Continuano quindi a maturare al suolo e completano il processo dopo circa 10 giorni. Nelle piantagioni, i frutti vengono solitamente raccolti prima che cadano dalla pianta per evitare che risultino danneggiati dal colpo. In seguito vengono esportati ancora non maturi e arrivano prima della completa maturazione nei nostri supermercati.

Solo due delle 400 varietà esistenti sono normalmente disponibili in commercio nelle nostre zone: l’avocado Hass e Fuerte. I frutti della pianta di avocado Fuerte hanno un sapore delicato e cremoso, mentre quelli della pianta Hass hanno una forma ovale, una buccia più spessa, di colore verde scuro tendente al nero e un gusto più deciso e avvolgente.

L’avocado: nutriente e versatile

Con un avocado si possono preparare moltissime ricette diverse: l’importante è che sia crudo e privato della buccia. Se cucinato rilascia delle sostante amarognole e perde la piacevolezza del sapore che ha quando è crudo. La buccia non è commestibile mentre il seme sì. Quest’ultimo è tuttavia particolarmente duro e difficile da mangiare. Se disponi di un buon tritatutto puoi utilizzare il seme nei tuoi frullati e smoothie e godere così delle sue numerose proprietà nutritive che sono contenute nel seme in maggiore quantità che nella polpa.

L’avocado contiene sostanze nutritive in grande quantità che ne fanno un alimento salutare e di cui è consigliato il consumo regolare. La sua versatilità in cucina lo rende un ingrediente molto versatile per le tue ricette: ad esempio in una ciotola di salsa guacamole per accompagnare patatine fritte, verdure o patate dolci al forno oppure insieme a un petto di pollo o a del pesce. Grazie al suo sapore non eccessivamente dolce si presta anche ad essere aggiunto alle tue insalate, ad esempio di pollo o di gamberi, accompagnate magari da un po’ di salsa cocktail. Se invece vuoi sperimentare con ricette dal sapore esotico, prova l’avocado per farcire il tuo sushi fatto in casa o per accompagnare quesadillas o tortillas.

Affinché una volta pelato e tagliato l’avocado non si scurisca, cospargilo con qualche goccia di limone. Se desideri preparare un saporito guacamole, prova ad aggiungere un po’ del seme precedentemente tritato: in questo modo non soltanto puoi godere delle sue sostanze nutritive, ma puoi anche prevenire l’ossidazione della polpa che conferisce alla salsa uno spiacevole colore scuro. In alternativa alla polvere del seme, per evitare l’annerimento della polpa, prova la cipolla: se devi conservare un avocado già aperto, mettilo in frigo avvolto nella pellicola trasparente insieme a qualche fetta di cipolla. Se invece vuoi accelerare la maturazione di un avocado, riponilo insieme a qualche mela: la mela rilascia etilene nell’aria, un gas che favorisce la maturazione. Buon appetito!

Related Tags

Ricette con l’avocado

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!

Qualcosa è andato storto durante il salvataggio!