L’avena: origine e informazioni utili

Questo cereale è originario dell’Asia minore. In Europa l’avena viene coltivata da oltre 2’000 anni ed è stata per secoli uno dei cereali più utilizzati. I chicchi d’avena, per essere consumati, vengono perlopiù trasformati in fiocchi. È proprio in questa forma che vengono di solito mangiati a colazione.

Molti non sanno che l’avena è il cereale più salutare tra quelli in circolazione. Preparato a dovere, rilascia il suo aroma nocciolato. È l’ideale per preparare porridge o muesli, ma anche per molti altri piatti. E non è tutto: questo cereale straordinario è anche molto economico.

 

Food Facts Food Facts

L’avena (in fiocchi):

Famiglia

Poaceae

Calorie

375 kcal per 100 g

Valori nutrizionali

57 g di carboidrati, 10,5 g di fibre,
7 g di grassi, 13,5 g di proteine per 100 g

Stagionalità

Tutto l’anno

Conservazione

Al riparo dall’umidità, possibilmente in un contenitore ermetico

Durata

Se ben conservato, anche diversi anni

L’avena: un concentrato di salute tra i cereali

Nessun cereale ha così tanti nutrienti e vitamine come l’avena. Vegetariani e vegani possono consumare fiocchi d’avena per garantire al corpo l’apporto necessario di ferro e zinco. I chicchi d’avena contengono molte vitamine del gruppo B: con una colazione a base di fiocchi d’avena puoi, ad esempio, fare la tua scorta quotidiana di biotina (vitamina B7). Questo cereale è anche un’ottima fonte di grassi e proteine. A differenza degli altri cereali, l’avena contiene poco glutine. Se trovi difficile mangiare alimenti sostanziosi di primo mattino, i fiocchi d’avena sono una buona soluzione per non uscire di casa a stomaco vuoto.

Ecco perché l’avena sazia così a lungo

Chi mangia avena a colazione, inizia la giornata in modo perfetto. Questo cereale contiene, come le patate, carboidrati a catena lunga, i quali impiegano molto tempo ad essere elaborati dallo stomaco. La fibra contenuta nell’avena favorisce un senso di sazietà duraturo e aiuta la digestione. Quando si mangia l’avena, lo zucchero nel sangue aumenta in maniera molto più lenta rispetto a quando, ad esempio, si mangia del pane con la marmellata. Questo fa sì che l’appetito venga tenuto a bada più a lungo e che gli attacchi di fame siano meno frequenti. Di particolare importanza nell’avena troviamo i beta-glucani, fibre solubili decisive per il mantenimento dei livelli di colesterolo: bastano 3 grammi di beta-glucani al giorno, ovvero circa 40 grammi di avena, per assumere l’apporto quotidiano consigliato.

L’avena: non solo a colazione

La farina d’avena può essere cucinata nel latte oppure in acqua per ottenere una deliziosa purea, a cui puoi aggiungere altri ingredienti, come nocciole, frutti di bosco o altra frutta: Per il muesli sono più indicati i fiocchi d’avena. È inoltre possibile utilizzare la farina d’avena come addensante per salse o per le polpette. Con i fiocchi puoi inoltre preparare cracker, biscotti e torte, per i quali la farina d’avena è meno indicata. Quest’ultima è decisamente povera di glutine che, però, è necessario come collante nella preparazione dei prodotti da forno. Quindi viene utilizzata solo in combinazione con la farina di grano.

Related Tags

Ricette con l’avena

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!