L'associazione Gastrosophinnen è stata fondata nel 1988 ed è riservata solo alle donne. Da allora le socie sono diventate 300, ma una cosa è rimasta costante: la passione per la cucina. Le accomuna il desiderio di trovare sempre una nuova fonte d'ispirazione, ampliare la propria arte culinaria e affinarla. E lo fanno con viaggi gastronomici, serate di cucina tra amiche ed eventi in cui la creme de la creme della scena gastronomica, come Tohru Nakamura o Antonino Alampi, svela i propri trucchi e segreti.

Il nome Gastrosophinnen, ovvero gastrosofe, è già di per sé un programma: il termine «Gastrosofia» fu coniato nel 1851 da Eugen barone di Vaerst nella sua opera «Gastrosophie oder die Lehre von den Freuden der Tafel» (Gastrosofia ovvero la scienza dei piaceri della tavola), in cui il piacere del cibo è elevato a forma d'arte.

La gastrosofia è la disciplina che coniuga gastér (ventre) e sophia (sapienza).

Il piacere, il cucinare, gustare e celebrare insieme rappresentano il fulcro dell'agire delle gastrosofe. Ogni dettaglio viene curato e deve essere perfetto, a partire dalla scelta e dalla preparazione dei prodotti naturali e di qualità, fino ad arrivare all'ambiente, come ci spiega Sylvia Karle, membro del consiglio direttivo e responsabile degli eventi delle gastrosofe:

L'ambiente per me è molto importante perché anche l'occhio vuole la sua parte.

Sylvia Karle, membro del consiglio direttivo

«Il tavolo deve essere ben apparecchiato, non bisogna utilizzare per forza stoviglie e posate esclusive, si può anche optare per uno stile rustico ma ricco di fantasia.» Le ricette migliori si realizzano con tanto buon umore.

In tutta la Svizzera sono presenti diverse associazioni di gastrosofe. Agli eventi gastronomici si formano gruppi di cucina sempre nuovi, ma spesso capita anche di rincontrarsi. Non c'è alcun obbligo di partecipazione, ma i soci sono attirati da un programma annuale di altissimo livello che propone un'ampia offerta di workshop interessanti, corsi tenuti da famosi chef in Svizzera e all'estero e viaggi tematici da cui trarre ispirazione.

E come vengono scelti i diversi temi dei workshop?
«Ascoltiamo e leggiamo diverse discussioni specialistiche, riceviamo suggerimenti da parte dei soci e diamo spazio alle nuove tendenze», sono le parole di Sylvia Karle.

Se la gastrosofia ha suscitato il vostro interesse e siete in cerca d'ispirazione, potete iscrivervi facilmente online:

https://www.gastrosophinnen.ch/de/mitglied-werden

Autrice: Herta Scheidinger
Testo pubblicato su: Falstaff Food Zurich 2018 (Link)

Effettua il login.

Ora con il tuo ID Supercard puoi accedere a FOOBY in modo semplice e veloce, utilizzarne tutte le funzioni e coglierne i vantaggi.

Seleziona i libri di cucina:

Questo ricettario esiste già.

Vuoi rimuovere completamente questo contenuto?

Sei sicuro/-a di voler rimuovere questi contenuti dai tuoi ricettari?

Salvataggio avvenuto con successo!